Incontinenza Urinaria da Sforzo: come ritrovare il benessere intimo

donna affetta da IUS preoccupata per il proprio benessere

L’incontinenza urinaria da sforzo è un disturbo che colpisce moltissime donne (in misura minore anche gli uomini). Consiste nel provare perdita involontaria di urine e le cause sono molteplici: possono attribuirsi all’invecchiamento, alle gravidanze, ai parti, a tumori, a infezioni del tratto urinario, a interventi subiti all’utero. Perdere urina è inoltre un sintomo comune a […]

Incontinenza urinaria

I reni filtrano il sangue e producono l’urina: questa viene condotta dagli ureteri nella vescica e da qui, attraverso l’uretra, all’esterno con la minzione. La vescica funziona da serbatoio che raccoglie e trattiene le urine. Se non ci fosse la vescica, le urine uscirebbero all’esterno in continuazione perché la sua produzione è continua (pur con flussi differenti a seconda delle ore del giorno).

Incontinenza urinaria da sforzo

L’incontinenza da sforzo, quando non è una complicanza di interventi chirurgici, richiede attenzione diagnostica e ancor più attenzione nelle proposte terapeutiche. In genere, l’incontinenza da sforzo viene classificata in base alla quantità di urina persa: un conto è perdere qualche goccia sotto importanti sforzi fisici, un altro è svuotare la vescica ogniqualvolta ci si alza dalla sedia o si produca un colpo di tosse. Capire quando e quanto si perde permettere di procedere alle indicazioni terapeutiche a seconda del grado di incontinenza.

Incontinenza urinaria da urgenza

L’incontinenza da urgenza si verifica quando la vescica si contrae prima che il cervello ne inibisca la contrazione: questo fatto, aumentando la pressione dell’urina a livelli superiori alla tenuta dello sfintere, fa perdere l’urina. Le cause più comuni sono le forme infiammatorie (cistiti) sia da infezione batterica o virale che da danni fisici, nonché malattie neurologiche che alterano o interrompono i collegamenti nervosi tra vescica e cervello.